Imperdibili Feste di Carnevale in Europa: i consigli di eDreams

Il Carnevale è l’occasione perfetta per dimenticarsi per un po’ del grigiore invernale e scacciarlo a colpi di costumi colorati, canzoni irriverenti, balli sfrenati e ottimi dolci. Naturalmente, ognuno ha i suoi gusti e in base alle vostre preferenze potete scegliere la celebrazione più adatta a voi. Da un festival decisamente “piccante” a una tradizione marinara, passando per un piccolo paesino e un paradiso per i bambini, ecco le feste di Carnevale che non potete perdervi quest’anno in giro per il Continente.

Il più familiareCarnevale di Aalborg, Danimarca – 19/05 – 27/05/2017

carnevale aalborg

source: Aalborg Carnival on flickr

Il più grande Carnevale del Nord Europa, che ha come evento culmine una incredibile parata a cui prendono parte più di 25.000 persone e a cui assistono moltissimi spettatori, si celebra ad Aalborg, in Danimarca, durante il mese di maggio. Una celebrazione imperdibile per le famiglie con bambini perchè prevede, sabato 16 maggio, una grande sfilata di bambini: sono 5.000 quelli che percorrono mascherati le strade della città con i loro genitori, mentre il parco cittadino – Kildeparken – si trasforma in un enorme parco divertimenti. Musica, rappresentazioni, giochi ed intrattenimento di ogni tipo terranno impegnati grandi e piccoli in un’indimenticabile giornata di festa.

Il più scenografico: Carnevale di Santa Cruz de Tenerife – 27/01 – 05/03/2017

santa cruz carnevale

source: pinterest.com

Uno delle più importanti manifestazioni carnevalesche del mondo, spesso paragonata a quella di Rio de Janeiro per la sua opulenza ed esuberanza e protetta dall’Unesco come Patrimonio Immateriale dell’Umanità. La festa per le strade di Santa Cruz comincia il venerdì prima del Carnevale con una spettacolare parata di apertura durante la quale migliaia di persone in costume ballano per tutta la notte; accanto al Carnevale ufficiale, con i suoi ricchissimi costumi che sono una vera festa per gli occhi, c’è quello nelle strade, spontaneo, divertente e chiassoso. La musica è parte fondamentale del party, che cresce sulle note di ritmi caraibici, elettronici e pop.

Il più trasgressivoCarnevale di Tyrnavos, Grecia – 27/02/2017

Carnevale di Tyrnavos

source: pinterest.com

Tyrnavos, un paese della regione greca di Tessaglia, il Carnevale si festeggia in modo davvero trasgressivo: con un festival dedicato ai “falli” in onore del dio Dioniso e degli antichi riti greci di fertilità. Giganti abbigliati vistosamente e adornati con falli di cartapesta sfilano per le vie della cittadina e le donne presenti sono invitate a toccarli o baciarli. La ricompensa per la loro azione sarà uno shot del famoso liquore locale, lo tsipouro, bevuto naturalmente da una brocca a forma di fallo! Un evento assolutamente da vedere se vi trovate in Grecia durante la stagione del Carnevale.

Il più piccolo: Carnevale di Bagolino – 26/02 – 28/02/2017

Carnevale - Bagolino

source: Pinterest.com

In Val Sabbia, nella provincia di Brescia, c’è un minuscolo paese famoso soprattutto per il suo antichissimo Carnevale: Bagolino. Piccolo, non troppo conosciuto ma assolutamente imperdibile per le sue particolarità storiche, il Carnevale Bagosso affonda le sue origini nel XVI secolo, ed ha 2 filoni principali: quello dei ballerini e quello dei maschèr. I ballerini, avvolti nei vestiti tipici, danzano sotto casa di amici, parenti e di coloro che hanno prestato l’oro per adornare i loro ricchi cappelli. I maschèr invece sono persone travestite da vecchio/a che, con voci in falsetto e andatura camuffata, si divertono a fare scherzi senza che nessuno li riconosca. Una tradizione che deriva dall’antico cerimoniale di corteggiamento, quando i maschér andavano di nascosto a fare visita alle ragazze che lavoravano nei campi. Tutto accompagnato da musica e balli degli spettatori che si divertono anch’essi a toccare i passanti senza farsi riconoscere.

Il più tradizionale: Carnevale di Dunkerque – 28/2/2017

Dunkerque Carnevale

source: pinterest.com

Si tratta del Carnevale più antico e famoso di tutta la Francia, la cui tradizione è legata a doppio filo a quella della pesca, attività così importante per la città. I grandi  festeggiamenti per salutare i marinai che partivano per le acque del Nord sono infatti alla base del Carnevale, che ricorda anche Jean Bart, famoso corsaro francese della zona. Per settimane le “bande” musicali, vestite in modo bizzarro, si sfidano cantando canzoni e sfilando in giro per la città mentre le “bals”, i gruppi carnevaleschi, si riuniscono per tutta la notte ballando canzoni tipiche e moderne. La grande sfilata finale è animata dai giganti, da vivaci balli e dagli ombrelli colorati tipici di Dunkerque.