Il blog di eDreams icon
Il blog di eDreams
  •   3 minuti di lettura

Il gusto per l’arte è qualcosa di estremamente soggettivo; qualcuno può amare un certo stile che ad altri proprio non dice nulla, c’è chi è più orientato verso il classico e chi invece preferisce il moderno…Comunque la si pensi, in giro per il mondo ci sono dei monumenti davvero strani. Brutti, incomprensibili, sexy, fuoriposto…Ecco qualche esempio.

Questo guerriero romano sovrappeso si trova a Yerevan, capitale dell’Armenia. Altro che i corpi perfetti delle statue dell’antichità classica, tutta questa abbondanza ricorda più le statue di Botero…

monumento yerevan
foto di tm tm su Flickr

Gli australiani si distinguono spesso per le loro trovate bizzarre e i loro strani monumenti. Ecco un esempio in un parco di Melbourne: non è la foto che è storta, è proprio la testa del signore che regge la statua!

monumento melbourne
foto di Learza su Flickr

Mai capitato di avere voglia di prendere a testate il muro? A Los Angeles hanno pensato bene di dedicare una statua a un business man non esattamente contento del suo stile di vita…

los angeles
foto di robeRt Vega su Flickr

L’india è invece la patria della scultura erotica. Le pareti dei templi di Khajuraho per esempio sono piene di raffigurazioni di uomi e donne intenti a soddisfare le proprie pulsioni; la spiegazione sta probabilmente nella tradizione tantrica, che predicava l’appagamento dei desideri terreni come un passo verso il nirvana.

templi di khajuraho
foto di greg.road.trip su Flickr

Se passate da Bratislava, vi potrebbe capitare di essere “spiati” da una statua che si sporge da un angolo della strada…

bratislava
foto di rafa su Flickr

La palma del monumento più kitsch la vincono sicuramente i giapponesi. Questa enorme statua alta 18 mt rappresenta il manga Tetsujin 28 e si trova a Nagata. I cartoni nipponici sono eccezionali, ma vorremmo sapere se agli abitanti della zona fa piacere avere un robot in formato gigante davanti a casa…

tetsujin 28
foto di kimubert su Flickr

Il premio invece per la trovata più originale va all'”Headington Shark” di Oxford: uno squalo si tuffa a testa in giù nel tetto di una casa. Il risultato è dissacrante, ma lo scopo dell’artista dell’opera era quello di attirare l’attenzione della gente su una questione molto seria: il 41simo anniversario del lancio della bomba atomica su Nagasaki.

headington shark
foto di temporalata su Flickr

Che ne dite, vi piacciono queste curiose invenzioni dell’ingegno umano? E a voi è capitato di vedere qualche stranezza simile in giro?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

footer logo
Fatto con per te