Il blog di eDreams icon
Il blog di eDreams
  •   2 minuti di lettura

Duemilacinquecento anni fa, abili mani –  verosimilmente etrusche – scavarono una rete di percorsi nelle roccia tufacea, in una zona al confine tra Toscana e Lazio tra le province di Grosseto e Viterbo. Ancora oggi, questo reticolo di “vie cave” riesce a a emozionare chi le percorre…

via cava

Attraversare una via cava proietta il viandante in un’atmosfera senza tempo in cui può capitare di astrarsi dalla propria realtà contemporanea. Il panorama è più o meno quello che doveva presentarsi al patriottico camminatore sulle tracce dell’Italia appena unita, al valoroso templare medievale e al carismatico lucumone etrusco. Ben poco è mutato negli ultimi venticinque secoli, da queste parti. A cambiare sono stati più che altro gli uomini, non la natura di questi luoghi. Nel territorio di Pitigliano, Sorano, Sovana e San Quirico, in provincia di Grosseto, si sussegue un reticolo di almeno una trentina di vie cave. Questi antichi paesi circostanti ai sentieri tufacei sono anch’essi uno spettacolo, con le loro costruzioni scolpite nel tufo e nella roccia.

sorano
Sorano, source: jacqueline.poggi/flickr

Le pareti delle vie cave arrivano in alcuni punti a misurare anche una ventina di metri di altezza. La loro larghezza è invece in media di un paio di metri. Il che vuol dire che il solo mezzo per attraversarle sia armarsi di un buon paio di scarpe e della propria prestanza muscolare. La lunghezza di ogni “tratta” può arrivare invece a sfiorare il chilometro.

via cava via fratenutiLa presenza di alberi e arbusti presenti sulla sommità, un po’ mimetizzano all’esterno la strada sottostante, un po’ trasformano la via in una sorta di galleria verde, che fornisce un’ombreggiatura apprezzabile soprattutto nei mesi più caldi. Non sono un fenomeno naturale, le vie cave, esse sono dovute all’opera dell’uomo. Per alcuni studiosi sarebbero solo delle pratiche vie di comunicazione costruite per superare i dislivelli altimetrici esistenti nella zona. Altri sostengono invece che la loro funzione fosse far defluire l’acqua piovana. Rimane però inspiegabile perché si sia allora andati così in profondità, tenuto conto che non ci si trova certo in un’area di piogge tropicali.

Appare plausibile allora che le vie cave possano essere state realizzate dagli Etruschi in funzione di atipici monumenti religiosi, per porsi in contatto con la “Madre Terra”. La valenza sacrale giustificherebbe anche la tortuosità labirintica talvolta quasi ricercata e l’incongruenza di alcuni sentieri, che si sviluppano in modo parallelo per terminare poi in un medesimo punto. Le vie cave potrebbero quindi essere nate perché gli Etruschi avevano saputo percepire questi luoghi come centri energetici.

via cava trekkingIn effetti, sotto la crosta terrestre esistono impercettibili movimenti tellurici, forze magnetiche e flussi sovrapposti di acque. Gli Etruschi, con il rilievo dato alla sfera spirituale e mistica e la loro sviluppata sensibilità ambientale, avevano certamente le “antenne” giuste per recepire queste forme di energia.  Le vie cave potrebbero allora essere “lette” come percorso spirituale. Un tragitto che dalla semioscurità e tortuosità progredisce verso l’illuminazione. Un  po’ come nella selva dantesca. Il tutto, sempre con i piedi ben saldi sulla terra.

Testo & immagini di Raffaele Basileresponsabile redazionale del blog Socialtrekking, espressione di un“movimento” di liberi camminatori pensanti che amano interagire con la natura, il paesaggio e l’”anima dei luoghi”. Scrittore e camminatore, Raffaele coniuga felicemente queste due passioni nel blog.

WaldenViaggi a piedi organizza a metà marzo un trekking nelle zone descritte nell’articolo. 

footer logo
Fatto con per te