Il blog di eDreams icon
Il blog di eDreams
  •   12 minuti di lettura

Dopo il successo della prima parte, continuiamo a parlarvi di amore per il viaggio attraverso le loro parole, quelle dei travel blogger che ogni giorno ci fanno sognare, ci danno la molla per partire, ci informano, divertono e stupiscono.  Questi sono 11 blogger di viaggi che vi consigliamo di leggere, per completare la lista dei siti che amiamo e seguiamo. Ancora una volta, seguiteli su twitter cercando l’hashtag #travelbloggerdaleggere.

migliori blogger di viaggio parte 2

viaggiatori low cost (@VLCIT)

viaggiatorilowcost

Cosa significa per te la parola “viaggio” e perchè hai deciso di dare vita ad un blog di viaggi?

Per noi la parola “viaggio” ha tanti significati, in primis quello di scoperta di ogni angolo del mondo. Un altro significato che attribuiamo a questa parola è quello di conoscere quanto più possibile usi e costumi diversi dai nostri, un modo naturale non solo per arricchire il proprio bagaglio culturale ed esperienziale ma soprattutto per crescere interiormente al punto di comprendere meglio ciò che ci circonda.
Il nostro blog, Viaggiatori Low Cost, è nato a luglio 2010 con l’intento di condividere le nostre esperienze e tante informazioni utili con tutte le persone che come noi amano viaggiare. Nel blog sono presenti anche numerosi consigli per organizzare un viaggio low cost.

Il viaggio/luogo che rimarrà per sempre nella tua memoria e perchè:

Non c’è un viaggio in particolare che c’è piaciuto più di tutti quanti gli altri perché ognuno di essi ha contribuito a dare forma e struttura alla nostra personalità. Esiste però quello che ha dato vita ed alimentato il nostro incommensurato amore per i viaggi: il nostro viaggio a Londra.

Due blog di viaggi che ci consigli di leggere:

Nella blogosfera ci sono diversi blog di viaggi molto belli ed interessanti, noi vi consigliamo di leggere Girovagate e Sulle Strade del Mondo.

Sphimm’s trip (@SphimmsTrip)

Sphimms trip

Cosa significa per te la parola “viaggio” e perchè hai deciso di dare vita ad un blog di viaggi?

Il viaggio è l’essenza del mio essere, da quando ho memoria i momenti più belli della mia vita sono legati ad esso, quando da piccolo mi imbarcavo per andare in Sardegna da mia nonna, quando in auto percorrevo le valli lombarde per andare dai parenti e poi, crescendo, quando ho iniziato pian piano a esplorare il mondo ho capito che il viaggio mi fa sentire vivo. La meta è solo una parte di esso, perchè il viaggio è sempre con te e non importa dove, come o quando, l’importante è viverlo fino in fondo, per questo cerco sempre di sperimentare tutti gli aspetti che un luogo ha da offrire. Conoscere nuove realtà, scoprire luoghi non ancora visitati e spesso lontani dalle mete turistiche sono elementi innati del mio animo nomade e poterli raccontare per trasmettere agli altri le mie emozioni, i miei consigli e le opinioni è ormai divenuto un impulso a cui non posso rinunciare, proprio per questo aprii un blog di viaggi, perchè a ogni mio rientro gli amici non vedevano l’ora di vedere le mie foto, sentire i miei racconti e, siccome crescendo a volte ci si allontana, il blog è il mezzo giusto per portare avanti questa passione, raccontare il mondo visto dai miei occhi, anzi direi dai nostri occhi, perchè da ormai tre anni Lele è diventato la metà video di Sphimm’s Trip e ci consente di far conoscere le mete che tocchiamo non solo con racconti e fotografie, ma anche con sequenze animate da lui abilmente realizzate.

Il viaggio/luogo che rimarrà per sempre nella tua memoria e perchè:

Non esiste un luogo che io possa definire più bello in assoluto di un altro, io ritengo che ogni posto abbia qualcosa di speciale che va solo scoperto, ma se devo esprimere un parere in base ai viaggi che preferisco, in assoluto dico quelli in Oriente. Sono stato in Asia, ho viaggiato in Cina e in Thailandia e sebbene siano mondi e culture diverse, entrambi mi hanno estremamente affascinato. L’Oriente esercita su di me una forte attrazione e ogni volta che mi ci avventuro non posso non amare le persone, le architetture, i panorami e la cucina, immergermi nella realtà che mi circonda con i cinque sensi e provare, per quanto possibile, a viverla fino in fondo. In ogni caso il mondo è la meta del mio viaggio, ho avuto esperienze bellissime in quattro dei cinque continenti, dal momento che l’Oceania ancora mi manca.

Due blog di viaggi che ci consigli di leggere:

A questa domanda è dura rispondere, perchè ho molti amici blogger e perchè sono molti più di due quelli che mi piace leggere abitualmente. Due di essi che mi lasciano sempre sognante sono: Emotion Recollected in Tranquillity di Giovy Malfiori, della quale amo il modo di scrivere, i sogni nordici che sa trasmettere e la grande competenza e simpatia nel raccontarli. Mercoledì tutta la settimana di Serena Puosi, che sempre mi sbalordisce con la sua innata simpatia e con il suo sguardo da loveblogger riesce a raccontare il mondo da un punto di vista molto emozionale e sicuramente interessante.

Slow Travel (@SlowTravel_it)

Bruna Fusco_Slow Travel

Cosa significa per te la parola “viaggio” e perchè hai deciso di dare vita ad un blog di viaggi?

Considero il viaggio un modo di sperimentare la meraviglia: per la poesia di un paesaggio, per il sorriso di uno sconosciuto, per il sapore di un piatto mai assaggiato prima, per la bellezza di un’opera architettonica. Circa tre anni fa ho deciso, con la mia amica Chiara Baldi, di iniziare l’avventura di Slow Travel per raccontare proprio questo senso di meraviglia per la scoperta di luoghi nuovi, soffermandoci in particolare su dettagli che spesso sfuggono al turista “mordi e fuggi”.

Il viaggio/luogo che rimarrà per sempre nella tua memoria e perchè:

Difficile sceglierne uno solo. Nel nostro paese ci sono luoghi fuori dai circuiti turistici più gettonati che nascondono veri gioielli e regalano emozioni senza fine. Penso ad esempio al Parco Nazionale dei Monti Sibillini, tra Umbria e Marche, dove ho trascorso una vacanza qualche anno fa, e che consiglio a tutti coloro che amano immergersi nella pace delle piccole cose e nello spettacolo della natura.

Due blog di viaggi che ci consigli di leggere:

Non ho blog di viaggi “preferiti” in assoluto. Ma ci sono due narratrici “di luoghi e di viaggi” che per me hanno una qualità e una sincerità di scrittura fuori dal comune. E si chiamano entrambe Serena. La prima è l’autrice di Mercoledì tutta la settimana, la seconda del blog Duepiùuno.

Turista di Mestiere (@touristtrade)

TuristadiMestiere

Cosa significa per te la parola “viaggio” e perchè hai deciso di dare vita ad un blog di viaggi?

Per me il viaggio è ossigeno. Non riuscirei a pensare a una vita che non contempli il desiderio di un viaggio, la sua programmazione, quel margine di “carta bianca” utile a smarrirsi in un luogo per scoprirne l’anima più vera. Il blog nasce per caso: come spazio per condividere con gli amici le mie avventure. Poi ho scoperto che molti lettori si erano uniti alla combriccola e…

Il viaggio/luogo che rimarrà per sempre nella tua memoria e perchè:

Il Marocco. Lo sento come una seconda casa dove ho trovato un’accoglienza generosa e spontanea. Nei villaggi lontani dagli echi del turismo si incontrano persone piene di umanità che riescono a comunicare al di là delle parole. Con gesti, sguardi e sorrisi che non si incontrano spesso. E poi i suoi colori, i profumi, i sapori. Conoscete Chefchaouen? Rimediate subito.

Due blog di viaggi che ci consigli di leggere:

Leggo diversi blog di viaggio perché ognuno racconta un modo diverso di viaggiare e tutti riescono a regalarmi delle emozioni. Leggo chi viaggia davvero, però. Ultimamente quella del travel blogger è diventata una moda e, a una lettura più attenta, si capisce che molti si limitano a “parlare” di viaggi. Con questo non intendo che il vero viaggiatore sia colui che fa viaggi strepitosi ma semplicemente chi non riesce a trattenere la voglia di partire, chi è qui ma con la testa è già lontano. Consiglio di leggere www.simonasacri.com e www.gattosandro-viaggiatore.blogspot.it: se volete partire per gli USA o per l’Oriente, sono davvero una miniera di informazioni!

Mi prendo e mi porto via (@miportovia)

miprendoemiportovia

Cosa significa per te la parola “viaggio” e perchè hai deciso di dare vita ad un blog di viaggi?

Ho bisogno di viaggiare come dell’aria per respirare. Appena ho un momento libero inizio a sognare nuove mete perchè per me la parola “viaggio” vuol dire “opportunità”. Di conoscere, di crescere, di mettersi alla prova. Adoro viaggiare in paesi molto diversi dal nostro per ribaltare il mio punto di vista. Quando viaggio cerco di farlo rispettando il Paese che visito e cerco di entrare il più possibile a contatto con la gente del luogo. Viaggiare mi entusiasma tantissimo ed è proprio con questo entusiasmo che nel 2011 ho dato vita a miprendoemiportovia. Anche il nome ha un preciso valore, sottolinea la convinzione che in qualsiasi momento ci si può prendere e portare via, per un weekend, per un mese, per una vita! Certo a volte ci sono degli impedimenti (il lavoro, il lato economico, la famiglia) ma se la voglia di viaggiare è ad alti livelli come la mia sono convinta che tutto si supera perchè si vede nel viaggio un valore aggiunto alla propria vita a cui è difficile rinunciare!

Il viaggio/luogo che rimarrà per sempre nella tua memoria e perchè:

Questa domanda e la prossima sono proprio domande difficili, sapete? Ho molti viaggi nel cuore e ognuno porta con sè ricordi bellissimi. Un viaggio che rimane per me molto importante è la Scozia dove ho vissuto per un po’ grazie all’Erasmus. Quello è stato un viaggio veramente importante perchè è stato il viaggio che ha dato il via a tutti gli altri viaggi. Prima di fare questa esperienza non ero ancora “travel addict” dopo non ho saputo più smettere. Un altro viaggio molto importante è stato il viaggio in Australia in solitaria e zaino in spalla che ho fatto nel 2007, un viaggio dentro di me e all’interno di un luogo bellissimo in cui sogno di portare il mio piccolo Manina nato ad Agosto. Poi ci sono tutti i viaggi che ho fatto con Luca, mio marito che è anche il 50% del blog in quanto anche lui scrive, scatta foto (ormai più belle delle mie) si occupa dei video e della grafica. Di questi proprio non saprei cosa scegliere tra Bali, il Sud Africa ed il Messico. Anche se a dire la verità il più romantico è stato quello a Santorini a bordo di una decapottabile. Infine uno dei viaggi che non dimenticherò è quello a Barcellona di questo inverno dove abbiamo fatto il battesimo di volo di nostro figlio.

Due blog di viaggi che ci consigli di leggere:

Ci sono tantissimi blog di viaggi che amo leggere e che consiglierei ognuno per motivi diversi, ecco perchè per me è difficile rispondere a questa domanda che mi chiede di indicarne solo due. Mi piace molto il modo di descrivere i luoghi di Silvia Cartotto alias The girl with Suitcase e anche se non sono un’appassionata ammiro molto il blog di settore Lifeintravel.it un punto di riferimento importante per chi ama viaggiare sulle due ruote!

Luoghi da vedere.it (@luoghidavedere)

lucia luoghi da vedere

Cosa significa per te la parola “viaggio” e perchè hai deciso di dare vita ad un blog di viaggi?

Il viaggio, per me, è come un amico di vecchia data, di quelli speciali, che ti restano nel cuore per tutta la vita. Uno di quegli amici che, a prescindere da quanto tempo sia passato senza vedersi, ogni volta ti fa sentire a casa, come se non fosse trascorso neanche un secondo dall’ultimo incontro. Il viaggio è quell’amico che rende piena e emozionante la tua vita, che tira fuori il meglio di te e ti dà tanto, senza pretendere niente in cambio se non il tuo essere liberamente e semplicemente te stessa. Il migliore amico. Quando ho aperto il mio blog di viaggi (anche se ancora non sapevo che si chiamasserò così e, soprattutto, che stessero per diventare una specie di “moda” in tutto il mondo) volevo semplicemente condividere le mie esperienze e le mie disavventure on the road. Il blog ha iniziato a prendere forma e, pian piano, si è trasformato in quello che oggi è Luoghi da vedere.

Il viaggio/luogo che rimarrà per sempre nella tua memoria e perchè:

Un luogo che avrà sempre un posticino speciale nel mio cuore è il Portogallo, dove ho vissuto per quasi un anno tra viaggi zaino in spalla, abbuffate di Pastéis de Nata (forse il miglior dolce di sempre!) e “chiacchierate” in Portoghese stentato con persone provenienti da mezzo mondo. Le risate con i miei amici Erasmus non le dimenticherò mai perchè mi hanno permesso di “parlare” in tutte le lingue del mondo. Il Portogallo è anche il luogo che più mi ha stimolato a viaggiare, esplorare, scoprire mete nuove. Da allora il viaggio è diventata una costante nella mia vita quotidiana. Tutto è partito dal Portogallo…

Due blog di viaggi che ci consigli di leggere:

Tra i blog di viaggi che leggo sempre c’è Giorni Rubati. Con Elena di Giorni Rubati ho stretto il mio primo rapporto di “amicizia virtuale” nella cerchia dei Travel Blog (ebbene sì, esiste una cerchia, ma io ancora non lo sapevo!), quindi non posso non citare il suo blog di viaggi, tra i miei preferiti in assoluto sotto ogni punto di vista. Il secondo blog di viaggi che mi piace e che leggo con piacere è quello di Simona Sacri, blogger di cui amo lo spirito avventuroso e l’aspetto di “donna che non deve chiedere mai”.

The family company (@ValentinaCappio)

the family company

Cosa significa per te la parola “viaggio” e perchè hai deciso di dare vita ad un blog di viaggi?

Il viaggio per me è un momento di estrema vicinanza con i miei figli fuori dalla nostra comfort zone; è un’occasione preziosa per imparare a vivere la vita adottando punti di vista differenti. Viaggio con loro e per loro. Per uscire dalla quotidianità, per imparare ciò che non si potrà mai apprendere tra i banchi di scuola, per mescolarci tra la gente ed essere “bombardati” di esperienze nuove. Per me la parola “viaggio” significa aiutare i miei bimbi a diventare cittadini del mondo. E ho deciso di raccontare le nostre esperienze in un blog, sperando che potessero essere d’incoraggiamento per altri genitori. Spesso non si viaggia con i bambini perché si ha poca esperienza e ci si sente impreparati. Ecco, spero che il mio blog possa aiutare altre mamme ed altri papà a capire che non c’è nulla da temere e che quello che si riceve in cambio è straordinario.

Il viaggio/luogo che rimarrà per sempre nella tua memoria e perchè:

Ce ne sono tanti, ma forse quello che rimarrà per sempre nella mia memoria è la Malesia, quella rurale, quella nascosta, quella meno conosciuta e sicuramente molto poco turistica. Forse perché è stato lì che per la prima volta mi sono confrontata con la povertà vera e con un popolo che, nonostante abbia pochissimo, ti sorride e ti fa sentire a casa. Un’esperienza del genere ti costringe a rivedere le tue priorità, ad apprezzare la vita per il semplice fatto di non avere fame o sete. Una consapevolezza così spietata nella sua semplicità che ti strazia il cuore.

Due blog di viaggi che ci consigli di leggere:

Il primo è I Viaggi dei Rospi, di Alessandra Granata – una straordinaria mamma viaggiatrice, amante della montagna, della natura e delle vacanze outdoor, rigorosamente con bambini. Il secondo è un blog nato da poco: Non chiamatemi Turista e l’autrice è Francesca Cioccoloni, un’altra mamma viaggiatrice che con i suoi bimbi è andata in Egitto, Marocco, Tunisia, Vietnam e persino in India. Due esempi concreti per dimostrare che viaggiare con bambini non solo è possibile, ma regala anche magia pura.

Girovagate (@girovagate)

Alessandro girovagate

Cosa significa per te la parola “viaggio” e perchè hai deciso di dare vita ad un blog di viaggi?

Viaggiare mi fa stare bene. Nessun’altra esperienza riesce a pizzicare le corde del mio animo con tanta intensità. Il viaggio è uno stimolo e un arricchimento continuo grazie al contatto con realtà e mentalità diverse, e per me che sono un curioso a livelli stratosferici ogni metro percorso significa conoscere e conoscersi meglio. Ho sempre pensato che una delle caratteristiche del viaggiatore sia la condivisione di emozioni e informazioni, per questo nel 2007 ho sentito il bisogno di aprire www.girovagate.com, uno spazio dove raccontare a 360° i miei viaggi.

Il viaggio/luogo che rimarrà per sempre nella tua memoria e perchè:

Estate 2001, Portogallo. Il mio primo lungo viaggio in auto, da Firenze fino al punto più occidentale d’Europa! 6500 chilometri battuti dal vento e dal sole lusitano, vissuti giorno per giorno a contatto con un popolo straordinario, che con un semplice sorriso ti fa sentire a casa tua. Un viaggio fatto di persone più che di posti da scoprire.

Due blog di viaggi che ci consigli di leggere:

Ne segnalo due che pongono l’accento sui contenuti. Vi suggerisco di leggere i reportage di Roberta Zennaro alias Gamberettarossa, coordinatrice di avventure nel mondo e travel writer sopraffina, e il blog di Simonetta Clucher, Sulle Strade del Mondo, uno scrigno di perle da cui prendere spunto per un prossimo viaggio!

Travel’s Tales (@francescaturchi)

travelstales

Cosa significa per te la parola “viaggio” e perchè hai deciso di dare vita ad un blog di viaggi?

Viaggio non significa necessariamente prendere un aereo, un treno o l’auto e partire: per me il viaggio inizia molto prima, quando inizio a fantasticare su dove andare, che sia New York piuttosto che il paesino a 10 km da casa mia. La voglia, o meglio la necessità, di viaggiare è quello che quotidianamente mi dà l’entusiasmo di organizzare nuovi viaggi da fare. Il blog è nato nel 2009 da questa esigenza!

Il viaggio/luogo che rimarrà per sempre nella tua memoria e perchè:

Lo scorso settembre ho fatto un viaggio mai provato prima: sono stata per la prima volta all’Oktoberfest a Monaco, e ci ho portato mio padre! 🙂 E’ stato in assoluto il viaggio più bello e insolito mai fatto. Mi ha regalato tante emozioni, risate, ricordi e episodi che spesso quando ci vediamo ci raccontiamo, di nuovo, e un’altra volta ancora. Normale se ci pensate bene: non è da tutti portare il proprio vecchio alla festa della birra più famosa al mondo!

Due blog di viaggi che ci consigli di leggere:

 Viaggiovero di Cristiano Guidetti e Girovagate di Alessandro Bertini.

ViaggiVerdi (@viaggiverdi)

ViaggiVerdi_Ferriere

Cosa significa per te la parola “viaggio” e perchè hai deciso di dare vita ad un blog di viaggi?

Viaggiare è scoprire, farsi sorprendere dal mondo e dalla natura, conoscere nuovi angoli che non sapevamo esistere e sentirli propri per qualche giorno o qualche ora, ritrovare l’armonia con la terra. Viaggiare è muoversi lentamente, a piedi o in bicicletta, a cavallo o a dorso d’asino, in treno o in barca a vela. Non per forza partire per una meta lontana, a bordo di un aereo o di una lussuosa nave da crociera. Si può partire semplicemente con uno zaino e un paio di scarpe ai piedi, ma è indispensabile cambiare punto di vista, guardare con sguardo nuovo quanto ci era sfuggito da anni, riuscire a perdersi e a ritrovarsi. ViaggiVerdi è nato per promuovere il turismo sostenibile in Italia, per dimostrare che si può viaggiare prendendosi cura del mondo. ViaggiVerdi vuole offrire un punto di vista nuovo su angoli meravigliosi e sconosciuti d’Italia, da scoprire lentamente, su possibilità di ospitalità sostenibili, dalla casa sull’albero all’albergo diffuso negli antichi borghi italiani.

Il viaggio/luogo che rimarrà per sempre nella tua memoria e perchè:

Uno degli ultimi viaggi, a piedi nella valle delle Ferriere, un luogo segreto della Costiera Amalfitana. Immaginatevi una giungla di verde, dalle mille sfumature, che ha invaso i ruderi di antiche cartiere settecentesche dove un tempo si produceva la carta di Amalfi. Se chiudo gli occhi sento ancora il suono allegro degli uccellini, il rumore delle cascate d’acqua naturali, il profumo umido e vivo della vegetazione. Ne parleremo presto sul nostro blog.

Due blog di viaggi che ci consigli di leggere:

Il Blog di It.a.cà, Festival del turismo responsabile: http://www.festivalitaca.net/itaca-blog/ e il Blog di Viaggiare Libera.

Trippando (@trippando)

trippando

Cosa significa per te la parola “viaggio” e perchè hai deciso di dare vita ad un blog di viaggi?

Per me viaggio è evasione, è divertimento. E’ godere di ogni istante di vita like a local in una città diversa da quella in cui vivo. Il mio blog di viaggi nasce per caso, incinta al 7°mese, per raccontare i viaggi fatti, dato che in quel momento ero costretta a stare a casa.

 Il viaggio/luogo che rimarrà per sempre nella tua memoria e perchè:

Il viaggio in treno da Mosca a San Pietroburgo è sicuramente indimenticabile: le campagne attraversate sono ben diverse dalle due grandi città. Si respira tanta umanità e tanta vita vera, quella che di solito cerco nei miei viaggi.

Due blog di viaggi che ci consigli di leggere:

Quelli dei miei co-blogger, assolutamente! Molti di coloro che fanno parte della grande famiglia Trippando hanno anche blog propri, ciascuno con una personalità ben definita: per esempio Claudia, su La Bussola e il Diario, mixa viaggi, buona cucina ed esperimenti di craft fai-da-te. Oppure Marco, che si è unito a noi da poco, e che racconta su Bike and Travelling i suoi viaggi in bicicletta.


2 responses to “I blog di viaggi che dovreste leggere – seconda parte

I commenti sono disattivati.
footer logo
Fatto con per te