Il blog di eDreams icon
Il blog di eDreams
  •   3 minuti di lettura

Il Diwali – o “festival delle luci”, è uno dei più grandi festival Hindu, celebrato in tutto il mondo. Un po’ come da noi nel periodo natalizio, per 5 giorni tra ottobre e novembre (quest’anno la festa comincia il 13 di novembre), le strade e le case di intere città e paesi si riempiono di luci, simbolo della vincita del bene sul male, e l’atmosfera si fa calda e accogliente.  La parola Diwali, una contrazione di “Deepawali”, si può tradurre infatti letteralmente come “fila di luci”.

Per catturare al massimo l’essenza di questa magica festa, vi suggeriamo 5 luccicanti destinazioni per un ultimo (o no?) viaggio del 2012 nel segno di una vivace spiritualità.

Foto di Paul Carvill su flickr

India del Sud

Nell’India del Sud, Diwali non vuol dire solo lucine tremolanti dappertutto, ma anche (e come poteva essere altrimenti in questo fantastico paese!) colori, odori e sapori intensi. Le case vengono infatti profumate con essenze di zenzero, sandalo e curcuma, e gocce di olio di sesamo vengono sparse dai più anziani sulla testa di tutti i membri della famiglia. Un momento davvero eccezionale per visitare Mumbai, Pune, Kochin e tutta l’India meridionale e vivere uno spaccato di vita tradizionale.

foto di Nagarjun su flickr

Singapore

Singapore è un melting pot culturale, ma il Diwali riesce ad unire genti e tradizioni diverse; tutti infatti, per questa occasione, si cimentano nell’elaborazione di splendide decorazioni luminose e candele. Le strade sono un’esplosione di ghirlande, luminarie e archi colorati.

deepawali singapore
Foto di sevenfloorsdown su flickr

Mauritius

L’80% degli abitanti di Mauritius sono induisti, quindi non sorprende che la festa del Diwali sia così sentita. Le lampade ad olio sistemate fuori da ogni porta di casa hanno un doppio significato simbolico: scacciano il male e salutano l’arrivo dell’estate. E la bellissima isola si trasforma così, per qualche giorno, in un luogo fatato. Da provare i dolci tipici della ricorrenza, che gli indù si scambiano tra loro dopo le preghiere del mattino.

diwali mauritius
foto di the nikon guy su flickr

India del Nord

Le lucine sono ovunque, per attirare il dio Lakshmi: fuori dalle case, dai negozi e dagli edifici pubblici, e per le strade risuona l’eco dei petardi, utilizzati per spaventare gli spiriti maligni. Ci si scambiano regali, dolci, auguri e auspici per il futuro, e tutto e tutti sembrano avvolti da un alone mistico e armonioso.

diwali india
Foto di Partha Sarathi Sahana su flickr

Caraibi

A Trinidad e Tobago il 43% della popolazione è di origine indiana, e il Diwali è celebrato come festa nazionale. La festa è vivace com’è nel dna delle popolazioni caraibiche, illuminata da migliaia di diyas – piccoli vasi di terracotta pieni di olio che ardono grazie a uno stoppino.

diwali caraibi
foto di anil wadghule su flickr

Se non potete viaggiare in uno di questi paesi, potreste sempre ricreare l’atmosfera di Diwali in casa, accendendo piccole lucine e profumando l’aria con essenze esotiche.

footer logo
Fatto con per te